| 

De Palma: «Piano vaccini, Arcuri porti a conoscenza dei cittadini italiani quali sono le agenzie esterne che si sono aggiudicate l’appalto per i contratti agli infermieri»

Il Presidente del Sindacato insiste sulle incongruenze del Commissario Straordinario all’Emergenza Covid: «Da giorni noi continuiamo a sostenere l’inutilità dei costi che si andranno a spendere per pagare aziende che lavoreranno su infermieri che si stanno candidando in modo autonomo. Solo perchè questo Governo ha scelto sin dall’inizio di non volere la responsabilità di sottoscrivere contratti in modo diretto».

«Il Commissario Straordinario all’emergenza Covid, Domenico Arcuri, non può più esitare e adesso deve portare a conoscenza degli infermieri e di tutti i cittadini italiani i nomi delle agenzie esterne che si sono aggiudicate il bando per quei famosi contratti di 9 mesi da stipulare con i professionisti della sanità, a patto che ci siano realmente le richieste in tal senso, rispetto al numero di operatori (medici e infermieri stessi) che è stato previsto per gestire "la massiva campagna di vaccinazione" che di fatto non è ancora partita. E a patto, anche, vi spieghiamo il perchè, si arrivi ad avere il numero di agenzie esterne previste rispetto alle offerte. Non possiamo aspettare, vogliamo comprendere quali aziende sono state scelte e in base a quale criterio. 

Ci viene detto che la Commissione di Invitalia sta valutando le proposte e che tra qualche giorno conosceremo la verità.

Come sindacato nazionale degli infermieri non possiamo essere d’accordo con la decisione di spendere denaro per coprire i costi di agenzie che non avranno nemmeno l’onere di cercare il personale, dal momento che stando ai numeri forniti dal Premier Conte prima di capodanno sarebbero già oltre 20mila i professionisti che hanno presentato domanda».

Così Antonio De Palma, Presidente del Nursing Up, esprime ancora una volta le sue forti perplessità su un bando, quello delle vaccinazioni, e su tutto il suo contorno, in merito al quale il sindacato non ha mai nascosto un giudizio estremamente negativo.

«Di abbagli il Commissario Arcuri fin ora, a nostro avviso, ne ha presi davvero tanti. I tempi di inizio della presentazione delle candidature per la ricerca dei cosiddetti “vaccinatori” sono sicuramente non in linea con l’urgenza che i nostri cittadini hanno di uscire da questo incubo, prima che una eventuale terza ondata metta definitivamente al tappeto le residue forze degli infermieri che continuano a infettarsi negli ospedali italiani. Per non parlare poi delle modalità strategiche di un bando che farà affidamento, come già detto, su agenzie esterne, erogando 25 milioni di euro lordi che potevano essere spesi per pagare prestazioni aggiuntive a personale che già offre le proprie prestazioni all’interno del SSN, e che si sarebbe "aggiunto" ai 12000 colleghi in fase di reclutamento. 

Insomma, qui non si parla di bruscolini, abbiamo realizzato una proiezione di dettaglio prendendo come base di calcolo i 25 milioni di euro messi a disposizione per le agenzie. Ebbene, se invece di pagare le agenzie avessero utilizzato questi soldi per pagare i vaccinatori, avremmo avuto ben "71000 ore di prestazioni infermieristiche in più" per le ASL italiane, pagate 40 euro all'ora, a disposizione, mese per mese, per nove mesi, per vaccinare più gente possibile. 

Lo abbiamo ribadito più volte: ci sono 30mila infermieri ambulatoriali e che si occupano di cure primarie, che hanno l’esperienza per gestire questo mandato, e che non avrebbero tolto forza lavoro alle aree covid. Certo bisogna pagarli, ma vuoi mettere?  

Dobbiamo guardare in faccia alla realtà e non nasconderci dietro propagande, come quella relativa ai giorni puramente simbolici di somministrazione delle fiale. La campagna di vaccinazione vera e propria non è ancora iniziata. E quando pensiamo a quanti infermieri avranno presentato domanda per fare i vaccinatori, ci chiediamo se la “forca caudina” delle defezioni dell’ultimo momento, come purtroppo accade spesso, e come accaduto per Veneto e Marche con i recenti concorsi pubblici, di fronte alla realtà di contratti da precari, non porterà alla decisione, da parte dei professionisti che hanno già presentato la loro candidatura, di non accettare i contratti che gli proporranno quelle agenzie esterne, che di fatto ancora non conosciamo. 

Ci chiediamo ancora una volta se ci sono davvero 12mila professionisti, al di fuori del sistema del SSN, pronti ad accettare questi contratti. A fronte della carenza di 90mila uomini e donne nell’emergenza covid attuale, sentiamo di poter nutrire forti e ragionevoli dubbi. Gli infermieri italiani sanno bene quali sono le responsabilità che poggiano sulle loro spalle e se messi nelle condizioni ideali, organizzative, di sicurezza e contrattuali, sapranno ancora una volta tirare fuori dalle sabbie mobili gli italiani. Ma occorre chiarezza sui tempi, sulle modalità e sulle figure che dovranno portare a termine l’ultima grande battaglia per vincere questa guerra. In queste ultime ore, peraltro, dalla stampa economica specializzata, che giustamente ragiona conti alla mano, ci vengono offerte riflessioni di non poco conto. Ovvero viene posta una domanda inquietante: ma queste famose agenzie alla fine ci saranno davvero? 

Secondo tali inchieste, infatti, di cui tenere conto, per le aziende esterne delle quali parliamo si tratterebbe tutto sommato di una sorta di trappola. Il loro guadagno è 5%, ma poi sulla cifra bisogna pagare l'Iva al 22% e quindi si riduce al 3,9%. Considerando che la gara si basa sulla migliore offerta, le agenzie interessate - per vincere - dovrebbero aver proposto, parliamo al passato perchè le offerte si sono concluse lo scorso 28 dicembre, un margine di guadagno più basso di quel 3,9 %. Senza dimenticare che soprattutto si dovranno formare i vaccinatori: sul sito dell'Istituto superiore di sanità è stato partorito il corso Fad (formazione a distanza), realizzato per gli operatori impegnati nella campagna vaccinale. Ma quale campagna? Prima, infatti, è necessario trovare medici e infermieri. Poi aggiornarli su metodi e procedure che richiede un prodotto vaccinale innovativo. Poi stipulare i contratti finali con le agenzie, che però non ancora sappiamo quali sono e quante sono, e che dovranno cercare infermieri e medici senza avere bisogno di farlo davvero, perchè tali operatori, nel frattempo, si sono già candidati da soli. 

Signori e signori…ecco a voi i dettagli del brillante piano vaccini del Commissario Arcuri!».

Tutto questo ci fa indignare e arrabbiare, dal momento che si sprecano occasioni preziose come quella dei vaccini per fare campagne simboliche. Noi non smetteremo mai di combattere: per gli infermieri e per i cittadini!»

Il Referente del Nursing Up per la stampa 

Alfredo Iannaccone

Tel : 389.1510483

Associazione Nazionale
Sindacato Professionisti Sanitari della Funzione Infermieristica

CF: 96340350584