| 

Sanità, Nursing Up accusa Comitato di Settore: Infermieri esclusi da incontro su Ccnl


Roma, 5 feb. - “Abbiamo appreso da organi di stampa che il presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità Massimo Garvaglia si è incontrato ieri con la Fials per ricercare possibilità di un ulteriore finanziamento in vista della stretta finale del rinnovo contrattuale per il comparto Sanità: ci chiediamo come mai non siamo stati convocati anche noi, come sindacato di categoria”. Lo rende noto il presidente del sindacato degli infermieri Nursing Up Antonio De Palma. Nursing Up ha proclamato lo sciopero nazionale degli infermieri per il 23 febbraio.

“L'incontro è avvenuto – osserva il sindacalista - nel giorno in cui abbiamo dovuto anticipare la data dello sciopero nazionale al 23 febbraio per ragioni tecnico-giuridiche: dov'è la serietà della classe politica? Mi chiedo se esista davvero l'intenzione di raggiungere un accordo o se si sta giocando con la vita degli oltre 500mila dipendenti del comparto Sanità”.

Ricordiamo che Garavaglia aveva dato ragione alle organizzazioni sindacali degli infermieri il giorno della proclamazione dello sciopero nazionale spiegando alle agenzie di stampa che 'il contratto è fermo da anni ormai e le componenti del contratto Sanità stanno facendo un grosso sacrificio', e dichiarando anche che c'era 'tutta la volontà di chiudere'. "Ma il fatto che il presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità ha incontrato una sola sigla, che peraltro non ha proclamato nessuno sciopero - sottolinea De Palma -  sconfessa le sue buone intenzioni”.

“Se è vero quello che Garavaglia stesso ha affermato - rileva il presidente Nursing Up - e cioè che 'purtroppo il Parlamento si è dimenticato in legge di bilancio 800 milioni di euro' per il comparto Sanità, lo dimostri con i fatti e ci convochi per discuterne”. “Evidentemente per il coordinatore della commissione Affari finanziari della Conferenza delle Regioni, per il Governo e il Parlamento - conclude De Palma usando le stesse parole di Garavaglia - la Sanità non è una priorità".

Associazione Nazionale
Sindacato Professionisti Sanitari della Funzione Infermieristica

CF: 96340350584