De Palma. «Finalmente si parla di individuazione del reale fabbisogno di personale sanitario e di indispensabile abolizione del tetto di spesa per i professionisti. Era ora!».

Roma, 13/02/2024

Algoritmo di Agenas? Valuteremo con serenità la presenza dei necessari presupposti operativi di efficienza ed efficacia».

ROMA 13 FEB 2024 - «Risolvere totalmente, dall’oggi al domani, le incertezze e i disagi del nostro “traballante” sistema sanitario, ma soprattutto rispondere finalmente, in modo puntuale ed efficace, al reale fabbisogno di professionisti della salute, da parte di una collettività oltre tutto in costante evoluzione, affidandosi esclusivamente a un sistema matematico-informatico quale un algoritmo, rappresenta sicuramente un progetto ambizioso, ma rispetto al quale consentiteci di nutrire legittimi dubbi. 

Non possiamo che accogliere positivamente le intenzioni del Ministro Schillaci, che ha promesso da tempo l’addio al tetto di spesa per medici e infermieri.

Un traguardo del genere, certamente, in relazione al quale non abbiamo dubbi sull’impegno e le competenze messe in campo da Agenas, rappresenterebbe l’abbattimento di una gabbia nella quale i professionisti della sanità sono rimasti rinchiusi per troppo tempo, impedendo di fatto la crescita esponenziale di un sistema sanitario come il nostro che, invece, tra limitazioni e austerity, è addirittura palesemente regredito.

Così Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Nursing Up.

«Abolire il tetto di spesa sul costo del personale che risale al 2004 e che è stata la vera causa, insieme al taglio di 40.000 posti letto, dell’evidente declino del nostro SSN pubblico, e farlo attraverso la reale definizione della giusta dotazione di medici e infermieri, all’interno delle realtà ospedaliere ma anche in quegli ambulatori che rappresentano una delle basi dell’indispensabile rinascita della sanità di prossimità, come indicato proprio dalla missione 6 del Pnrr, richiede a nostro avviso un lavoro accurato che un freddo e asettico algoritmo da solo non può portare a compimento.

La stessa Agenas ha individuato, nei suoi accurati report, i numeri aggiornati del fabbisogno di professionisti da parte della popolazione, in base all’indispensabile rilancio della sanità territoriale, ma anche all’evoluzione legata all’inesorabile invecchiamento della collettività.

A tutti questi fattori vanno aggiunte le peculiarità che potrebbero differenziare le esigenze di una determinata regione dall’altra, ma soprattutto non si possono non considerare le enormi diversità nel calcolo del fabbisogno di infermieri e professionisti dell’assistenza, rispetto a quelle dei medici, a partire dalla legittima considerazione che siamo di fronte a professionalità diverse, continua De Palma.

E allora se un algoritmo ha lo scopo di condurci a un determinato, si presume realistico, risultato, con un percorso basato su dati predefiniti, non sarà certo possibile equiparare “in un unico calderone” le informazioni necessarie a calcolare il fabbisogno di medici, infermieri, ostetriche o altri professionisti sanitari che, per legge, hanno responsabilità e alvei di competenza non fungibili tra di loro. 

Così come un sistema informatico non potrà certo operare come una bacchetta magica, cancellando anni di cattive gestioni ed austerity. 

Bene quindi al supporto della ricerca e della sperimentazione, ad una sanità del futuro che guarda alla tecnologia e al mondo del digitale.

Aspettiamo, quindi, di valutare compiutamente questo nuovo strumento, ansiosi di celebrarne la reale efficacia, convinti come siamo, che potrà essere una leva fondamentale, che consentirà agli uomini e alle donne del nostro SSN, ognuno con il proprio ruolo e con le proprie competenze, di contribuire a ridurre progressivamente gli squilibri esistenti», conclude De Palma.