| 

LA REGIONE LIGURIA HA APPROVATO LA SUA LEGGE SULLA LIBERA PROFESSIONE PER GLI INFERMIERI DIPENDENTI PUBBLICI- LEGGI IL COMUNICATO DEL PRESIDENTE



Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della Funzione Infermieristica
Indirizzi internet: www.nursingup.it (con accesso ai siti regionali)
e-Mail info@nursingup.it
 

Roma, 28 marzo 2014

 

 

 

 

Ai Dirigenti dei livelli Regionali e Provinciali

 

Agli associati

 

 

LIBERA PROFESSIONE PER GLI INFERMIERI DIPENDENTI PUBBLICI

LA REGIONE LIGURIA HA APPROVATO LA SUA LEGGE

COMUNICATO DEL PRESIDENTE


Gentili colleghi,

una decisione storica quella dell’ assemblea regionale ligure, che ha definitivamente approvato la legge che consente agli infermieri pubblici ed agli altri professionisti sanitari di esercitare la libera professione.

 

Solo pochi giorni or sono avevo personalmente espresso il sostegno del Nursing Up e la nostra condivisione sulla proposta , versione degli ultimi giorni  seppur con alcune osservazioni .

 

Bisogna riconoscere senza ombra di dubbio che siamo di fronte ad un provvedimento che sfonda,  in coraggioso stile pioneristico un muro di limitazioni e pressapochismo,  eretto sia dalla politica che da certa altra parte del mondo sanitario e che  dura da anni .

 

Come sindacato infermieristico siamo fieri di aver potuto fornire, attraverso le attività svolte a livello territoriale , tutto l’apporto possibile per portare a casa questa legge. Confidiamo ora sul fatto che il Governo non impugni il provvedimento con questioni di legittimità costituzionale, spettro questo che è sempre dietro la porta quando si tratta di regole di questo tipo.

 

Le nostre delegazioni territoriali della Liguria, che coordinandosi a livello nazionale hanno presidiato costantemente l’iter legislativo del quale parliamo, intervenendo nei momenti particolarmente delicati con il loro contributo, stanno già concordando incontri con i referenti istituzionali a livello regionale per rimuovere alcune problematiche riscontrate ed evidenziate dal sindacato e rispetto alle quali ci è stata assicurata la massima collaborazione, e conferma che probabilmente sarà possibile affrontare in sede di provvedimenti di attuazione della legge.

 

ECCO ALCUNI DEGLI INTERVENTI PER NOI INDISPENSABILI,  CHE PROPORREMO NEI PROSSIM IGIORNI CON RIFERIMENTO  ALLA NUOVA LEGGE REGIONALE:

 

-Esplicito inserimento del personale con rapporto di lavoro part time tra i destinatari della nuova norma.

-Esplicita estensione alle attività private e/o presso strutture private degli ambiti nei quali sarà possibile svolgere attività libero professionale.

- Riconoscimento della possibilità di svolgere attività libero professionale da parte del personale a tempo determinato, oggi escluso.

 

Per quanto riguarda il lavoro svolto dal nostro sindacato sono fiero di quanto condiviso con la nostra delegazione regionale della liguria, che certo potranno considerare “anche loro” questo importante  risultato raggiunto e  che mi sento di definire “storico”  .

 

Ciò premesso ribadisco quanto ho avuto modo di specificare in occasione dell’ultimo comunicato sulla materia ,  per il bene dei cittadini e dell’intero SSN, e quindi confermo con determinazione le numerose richieste già presentate e talvolta discusse in occasione dei confronti con i vari Ministri della Salute ed i  numerosi parlamentari che sino ad oggi si sono occupati  a vario titolo della questione, per l’adozione di un provvedimento nazionale di tipo omogeneo affinchè la materia venga affrontata in maniera organica e definitiva .

 

Come sindacato continueremo a tenere “sotto stretta osservazione” ogni iniziativa di fonte regionale tramite le nostre delegazioni interessate, e non mancheremo di fornire il nostro sostegno critico e costruttivo, come abbiamo dimostrato nella regione Liguria,   a quelle che riterremo meritevoli di particolare attenzione .

 

 

Lunga vita al Nursing Up

 

 

Il Presidente

Antonio De Palma

 

 

 

 

 

 

 

Segue la legge approvata dalla Regione Liguria

 

 

REGIONE LIGURIA

 -----------

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE – ASSEMBLEA

LEGISLATIVA DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 26 MARZO 2014

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ESERCIZIO DI ATTIVITÀ PROFESSIONALE

DA PARTE DEL PERSONALE DI CUI ALLA LEGGE 10 AGOSTO 2000, N. 251

(DISCIPLINA DELLE PROFESSIONI SANITARIE INFERMIERISTICHE, TECNICHE

DELLA RIABILITAZIONE, DELLA PREVENZIONE NONCHÉ DELLA PROFESSIONE

OSTETRICA)

Articolo 1

(Attività professionale da parte del personale di cui alla legge 10 agosto 2000, n. 251

(Disciplina delle professioni sanitarie infermieristiche, tecniche della riabilitazione, della

prevenzione nonché della professione ostetrica))

1. Al fine di conseguire una più efficace e funzionale organizzazione dei servizi sanitari

regionali, il personale che esercita le professioni sanitarie di cui alla l. 251/2000 e

successive modificazioni e integrazioni, operante con rapporto di lavoro a tempo

pieno e indeterminato nelle strutture pubbliche regionali, può esercitare attività libero

professionale, al di fuori dell’orario di servizio, anche singolarmente all’interno

dell’Azienda e in forma intramuraria allargata, presso le Aziende sanitarie locali, gli

IRCCS e gli altri enti equiparati.

2. La Giunta regionale, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente

legge, sentite le Organizzazioni professionali e sindacali e previo parere della

Commissione consiliare competente per materia, da rendersi nel termine di trenta giorni

dalla richiesta, trascorsi i quali si intende espresso, disciplina, con propria direttiva

vincolante ai sensi dell’articolo 8, comma 1, della legge regionale 7 dicembre 2006, n.

41 (Riordino del Servizio Sanitario Regionale) e successive modificazioni e integrazioni,

l’organizzazione e le modalità di esercizio dell’attività libero professionale di cui al

comma 1.

3. Le Aziende sanitarie, entro sessanta giorni dalla data di adozione della direttiva di cui al

comma 2, adeguano i rispettivi atti regolamentari ai contenuti della direttiva stessa, in

modo che non sorga contrasto con le loro finalità istituzionali e si integri l’assolvimento

dei compiti di istituto assicurando la piena funzionalità dei servizi anche nella continuità

della cura a domicilio.

Articolo 2

(Relazione della Giunta)

1. La Giunta regionale presenta annualmente, alla competente Commissione consiliare, una

relazione sull’attuazione della presente legge.

Articolo 3

(Clausola di invarianza finanziaria)1. Dall’attuazione della presente legge non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico

della finanza regionale.

La presente legge regionale sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della

Regione. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e farla osservare come legge della

Regione Liguria.

- - - - - - - - - -

Si dichiara che il presente testo di legge è conforme a quello deliberato dal

Consiglio regionale – Assemblea legislativa della Liguria nella seduta del 26 marzo 2014.

Genova, 26 marzo 2014

IL PRESIDENTE

DELL’ASSEMBLEA LEGISLATIVA

(Michele Boffa)

MM/TCB

 

 

Associazione Nazionale
Sindacato Professionisti Sanitari della Funzione Infermieristica

CF: 96340350584