| 

NURSING UP non ha sottoscritto il CCNL della sanità.

NURSING UP

Associazione Nazionale SINDACATO Professionisti Sanitari della Funzione Infermieristica

Via Carlo Conti Rossini, 26 – 00147 Roma

Tel. (+39) 06 512 16 99

Indirizzo internet: www.nursingup.it (con accesso ai siti regionali)

E-mail: info@nursingup.it 

RELAZIONI PROFESSIONALI

 

 

Roma, 21 maggio 2018

 

Ai Dirigenti dei livelli Regionali e Provinciali

A tutti gli associati del Nursing Up


NURSING UP non ha sottoscritto il CCNL della sanità.

Per noi non si firma SULLA PELLE DEGLI INFERMIERI !

Un sindacato come il nostro, che si muove a testa alta per essere una organizzazione  “autoreferenziale e libera" , che non intende rispondere  ad altri principi se non quelli della ragionevolezza, del buon senso e dell' onestà interiore non poteva sottoscrivere un testo che :

-consente il perdurare di fatto del blocco del trattamento economico del personale del SSN , perchè non saranno certo quei pochi euro previsti che colmeranno  il vuoto lasciato da 9 anni di congelamento contrattuale

-non riconsoce la  progressione economica  (passaggio di fascia) e di quella verticalec (passaggio di categoria) per infermieri, caposala e altri professionisti sanitari del comparto

-non valorizza l'anzianità di servizio delle professioni sanitarie non mediche tramite scatti di carriera

-non riconosce le ore necessarie all'aggiornamento professionale

-nulla prevede riguardo alla possibilità di svolgere attività libero professionale

-riconosce agli infermieri solo pochi minuti per indossare la divisa e  per il passaggio delle consegne

-non risolve il problema della crisi occupazionale  infermieristica, perchè ci sono oltre 25mila infermieri disoccupati

-sovraccarica di lavoro il personale infermieristico per via del mancato ricambio generazionale dovuto al blocco del turnover e alle esasperanti condizioni lavorative, logica conseguenza delle ristrettezze economiche e del drastico contenimento dei costi messi in campo dalle aziende sanitarie.

Questo contratto è stato firmato oggi a dispetto del potere di acquisto , eroso da anni ed anni di blocco contrattuale , prevede un risibile recupero economico ed illude i dipendenti con il riconoscimento del cosiddetto elemento perequativo, pochi euro che saranno pure tolti definitivamente dal 01 gennaio 2019.

Questo accordo pasticciato precarizza gli specialisti, i coordinatori e gli esperti prevedendo l'attribuzione di incarichi temporanei "non incardinati nei ruoli organici" e soggetti unicamente allla volontà delle aziende.

Questo contratto conferma un pericoloso vulnus nel sistema delle relazioni sindacali , rimette ad una commissione paritetica la delicata materia della revisione degli ordinamenti professionali ed interviene in maniera peggiorativa sulle condizioni di lavoro degli infermieri  mettendone in discussione il diritto alla salute e concentrandosi sui procedimenti disciplinari , sanzioni disciplinari e punizioni di vario genere.

Noi del Nursing Up abbiamo lottato in ogni modo sino ad oggi , perchè noi ci crediamo e siamo consapevoli del fatto che in questo modo iniziano le guerre , quelle che alla fine portano al successo.  Nei mesi scorsi, abbiamo fatto le nostre proposte, abbiamo contestato l'ARAN in ogni dove, abbiamo organizzato scioperi e manifestazioni di piazza in tutta l' Italia.

Proprio per questo OGGI NOI NON ABBIAMO FIRMATO!

Nursing Up non stenderà un velo di falso pudore firmando un contratto che ha già qualificato come "pessimo" e che considera un'offesa per gli infermieri e per i colleghi delle altre professioni sanitarie.

Siamo determinati a continuare la nostra battaglia a difesa di tutti i colleghi!

Per noi questo contratto è stato sottoscritto dopo aver realizzato una serie di violazioni che gridano vendetta. Vengono messi in predicato i principi fondamentali della democrazia perchè viene prevista l’esclusione dalle trattative integrative di quei sindacati i quali, nonostante siano rappresentativi, ritengano, come abbiamo fatto noi, di non firmare il CCNL e nonostante ci sia una sentenza della Corte Costituzionale,  rilasciata per il privato , che reca principi applicabili anche al pubblico impiego.

Su tutti questi punti , non ultimo quello relativo alla vessazione del diritto di rappresentare i lavoratori ai tavoli integrativi , umiliante punzione per chi ha scelto di "non attaccare l'asino dove vuole il padrone" , noi chiederemo alla magistratura di intervenire.

Lo faremo, sia in giurisdinzione nazionale che internazionale nel caso in cui le aziende sanitarie si permetteranno di pregiudicare il nostro sacrosanto diritto di partecipare alle contrattazioni come sindacato rappresentativo.

Riteniamo che non vadano apposte "firme tecniche"  su contratti come questo.

Per noi non si firma un contratto così prima che sia stata la magistratura a pronunciarsi. Se tutti i tentativi innanzi alla giustizia dovessero risultare vani , ebbene solo allora potrebbero essere valutate forme diverse ed alternative, che consentano la difesa dei lavoratori e dell'organizzazione sindacale che li rappresenta .

ALLA FINE DEI CONTI, INDIPENDENTEMENTE DA CIO' CHE D'ORA INNANZI ACCADRA' E DAL FATTO CHE QUESTO CONTRATTO VERGOGNOSO E' STATO APPENA SOTTOSCRITTO MA CHE GIA' SI AVVIA ALLA SUA SCADENZA PREVISTA PER IL 31.12.2018 , NESSUNO POTRA' NEGARCI L'ORGOGLIO DI AVER COMBATTUTO A TESTA ALTA E SENZA ESITAZIONI PER DIFENDERE GLI INTERESSI E LA DIGNITA' DELLA NOSTRA GENTE.

NOI CI CREDIAMO, PER QUESTO NON SVENDEREMO A NESSUNO I NOSTRI SACROSANTI DIRITTI DI DONNE E UOMINI LIBERI !

 

 

LUNGA VITA AL NURSING UP

Presidenza

Associazione Nazionale
Sindacato Professionisti Sanitari della Funzione Infermieristica

CF: 96340350584