LE DENUNCIE DEL NURSING UP Basta differenze tra laureati in medicina e quelli delle altre professioni sanitarie. Urge equilibrare i meccanismi di compartecipazione dello Stato alla formazione dei professionisti sanitari

LE DENUNCIE DEL NURSING UP  Basta differenze tra laureati in medicina e quelli delle altre  professioni sanitarie.  Urge equilibrare i meccanismi di compartecipazione dello Stato alla formazione dei professionisti sanitari
Roma, 25/03/2024

LA DENUNCIA DEL NURSING UP

 Basta sperequazioni tra laureati in medicina e quelli delle altre  professioni sanitarie. 

Urge equilibrare i meccanismi di compartecipazione dello Stato alla formazione dei professionisti sanitari.

Un infermiere laureato paga di tasca propria il percorso di specializzazione. Al neo laureato in medicina, al contrario, ci pensa lo Stato, con un assegno  di quasi 1700 euro sin dal primo mese del suo percorso di specializzazione.

A che punto è, nel nostro sistema sanitario, il riconoscimento di un assegno di studio per i tirocinanti infermieri e per gli altri laureandi delle professioni sanitarie dell’area non medica? 

E soprattutto quanto costa per un infermiere un percorso di specializzazione post laurea?  Un infermiere laureato che segue un percorso di specializzazione può contare su un aiuto economico dallo Stato? 

A quanto pare siamo agli ultimi posti in Europa per il riconoscimento di un seppur minimo rimborso spese per tirocini che conducono alla laurea infermieristica , ma , al contrario,  prevediamo  un assegno per i tirocinanti che si avviano alla laurea base di medicina e addirittura un congruo assegno per i medici specializzandi. Stiamo parlando di una retribuzione mensile di 1650 euro, non certo irrisoria, da cui sono esclusi psicologi, farmacisti, veterinari, biologi, chimici, specialisti in fisica medica, ma soprattutto rimangono fuori da questa possibilità gli infermieri e le ostetriche. 

Partiamo dal principio. Mediamente, per il primo anno del corso di laurea in infermieristica sono previste circa 400 ore da dedicare al tirocinio clinico pratico, integrato da lezioni e sessioni d'esame. Fino ad arrivare all'ultimo anno dove, sempre in media, sono previste circa 600 ore di tirocinio formativo. In Italia il tirocinio da infermiere che conduce alla laurea non è retribuito in alcun modo e non è previsto alcun tipo di rimborso spese a differenza di quello dello studente di medicina che prevede un rimborso fino a 67 euro al giorno. 

E’ una questione molto delicata perchè il tirocinio richiede un grande impegno da parte degli studenti, che si trovano a dover frequentare anche al di fuori degli orari canonici delle lezioni. Ci sono delle eccezioni, ma sono rarissime come quella dell’Alto Adige. Il cosiddetto “Taschengeld” per gli studenti di infermieristica della Scuola Superiore Provinciale di Sanità Claudiana è infatti stato aumentato a 15 euro per ogni ora di tirocinio a partire dall'anno accademico 2023/24: lo ha deciso lo scorso agosto la Giunta provinciale. Già nel gennaio 2021, il “Taschengeld”  che gli aspiranti infermieri ricevono per i tirocini svolti è stato aumentato da un totale di 3.400 a 6.600 euro. In questo modo, gli studenti ricevevano 3 euro all'ora per i loro tirocini nel 1° anno e 5 euro all'ora nel 2°e 3°anno. Questo importo è stato ora aumentato a 15 euro per ora di stage per tutti gli studenti. Ma siamo di fronte a un sassolino nell’oceano. 

Se non ci sono rimborsi per i tirocinanti infermieri, ancor peggiore è la situazione per le specializzazioni, tutte rigorosamente a pagamento, a differenza di un laureato in medicina che, nel suo percorso di specializzazione per diventare pediatra, ad esempio, può contare su quasi 1700 euro al mese . 

Frequentemente, molti giovani infermieri neo laureati non hanno la possibilità di affrontare i costi che una scuola di specializzazione comporta (tra mille e i 2mila euro per ogni anno), aprendo pertanto scenari di abbandono del percorso formativo o persino casi di sub lavoro sottopagati e impropri.

Dall’altro canto, il lavoro svolto dagli studenti in qualità di tirocinanti, rappresenta un apporto significativo di cui il SSN beneficia. Il loro importate contributo facilita i processi organizzativi, compensando la carenza di organico e il mancato turnover. E cosa accade in Europa? 

Mai prima d’ora il Parlamento europeo aveva espresso ufficialmente come propria , la posizione di messa al bando dei tirocini non remunerati. Lo scorso gennaio il Parlamento Europeo ha condannato con estrema decisione tale condotta che in Italia viene attuata sistematicamente negli ospedali pubblici e privati, che spesso sfruttano gli studenti utilizzandoli come sub lavoratori durante la loro  formazione. Accade fin troppo spesso ad  infermieristica, ed i dati sono allarmanti. 

Basti pensare che solo all’interno dell’università “La Sapienza” di Roma il numero di tirocinanti totale, sommando tutti i corsi di laurea presenti (all’incirca sei), tra primo, secondo e terzo anno, si aggira intorno alle 3.000 unità, pronte ad essere utilizzate, talvolta adempiendo a compiti che per legge non sono ancora  di loro competenza.

Gli studenti vengono chiamati, quindi, a tappare quei buchi che il sistema sanitario non  argina tramite assunzioni pubbliche ed a coprire turni di infermieri assenti o talvolta mancanti. Addirittura, spesso i tirocinanti vengono mandati  all’interno delle corsie senza una giusta guida da parte del tutor clinico o del personale infermieristico, senza che nessuno spieghi loro le procedure di svolgimento delle attività, mettendo così a rischio non solo la buona riuscita delle “attivita' ” assegnategli . 

Questa risoluzione del Parlamento Europeo, non attua di certo una rivoluzione dall’oggi al domani, ma rappresenta comunque un importante passo l’aver riconosciuto a quel livello che un tirocinio non pagato è da considerare alla stregua dello sfruttamento. Vanno garantite retribuzioni e tutele a tirocini extracurricolari e post lauream. E vanno perlomeno finanziati i rimborsi per i tirocini curricolari. Oltre a garantire la qualità della formazione di tirocini e stage.  Ci sono del resto Paesi che sono avanti anni luce rispetto a noi. La Germania ha introdotto una normativa specifica a riguardo, con una legge del 2015, che stabilisce una retribuzione minima di 8,50 euro l’ora per i tirocini di durata superiore ai tre mesi. Inoltre, la legge limita il numero massimo di praticanti per impresa e vieta gli stage non collegati ad un percorso di studio o di formazione professionale. 

In Francia nel 2014 è stata fissata una soglia retributiva per i tirocini di durata superiore ai due mesi, pari al 15% del salario minimo orario. La regolamentazione, applicata alle imprese private, alle pubbliche amministrazioni e alle associazioni senza scopo di lucro, prevede delle penali per le imprese che violano le regole, come la sospensione o la riduzione dei finanziamenti pubblici.  Per entrambi i Paesi  questo discorso vale anche per la sanità.  E’ chiaro che in Italia qualcosa deve cambiare. Prima di tutto siamo di fronte ad un netto calo di laureati in infermieristica. Per la prima volta dal 2011, il numero dei laureati in Infermieristica è sceso sotto 10mila.

Nel dettaglio, i laureati sono 11.436 sui 15.464 posti messi a bando, pari al 74%. Valore questo che è sceso dall’81% del 2013 al 69% del 2020 e al 67% del 2021. Tra le principali ragioni la difficoltà, nell’ultimo biennio, di assicurare il tirocinio per gli studenti e terminare così in tempo il percorso formativo. Situazione non certo rosea è quella degli iscritti ai test di ammissione di infermieristica, con un calo del 10,5%.  

Di questo passo continueremo a perdere infermieri per strada (il 30% nei prossimi tre anni ), privandoci sia di coloro che, già esercitano la professione, ma che, stanchi e delusi, scelgono di abbandonare l’Italia o di dimettersi dalla sanità pubblica per abbracciare la libera professione, ma soprattutto di fronte alla problematica  dei professionisti che vanno in pensione, non avremo un adeguato ricambio generazionale. 

Le conseguenze saranno assai deleterie per la qualità dei servizi sanitari: avremo sempre meno infermieri, con il rischio di dover mettere l'assistenza nelle mani di  figure surrogate, oppure di ricorrere a professionisti stranieri i quali, solluccherati dalle politiche stipendiali degli altri paesi d'Europa, lasceranno anche loro l'Italia in men che non si dica .

E’ davvero questa la sanità che vogliamo?

 

Sindacato Nursing Up