| 

 

LIBERA PROFESSIONE DIPENDENTI  AZIENDE DEL SSN

 

MILLE PROROGHE APRE UN VARCO : approvato emendamento in Commissione Affari Costituzionali e Bilancio del Senato che disapplica il regime di esclusività per 8 ore a settimana.

Per Nursing Up è certamente un passo avanti, ma occorre maggiore coraggio.  Serve un cambiamento radicale che cancelli limiti e lacciuoli che ci tengono ancora lontani dall’obiettivo a cui aspiriamo.

 Diamo atto dell’avvenuta approvazione dell’emendamento al Milleproroghe che consente di estendere la possibilità di svolgere attività libero professionale, da parte  degli infermieri  ed altri professionisti sanitari pubblici dipendenti  ex legge 43/2006, prevedendo un monte di 8 ore settimanali e con un termine temporale che, inizialmente previsto fino al  31 dicembre 2026, è stato ulteriormente ridotto al 31 dicembre 2023 .

 Tempo addietro, avevamo espresso, prima dell’ok avvenuto in Commissione Affari Costituzionali e Bilancio del Senato, la nostra moderata soddisfazione per quello che senza dubbio dimostra di essere un primo passo in avanti, in particolare rispetto alle nostre reiterate richieste, ultima in ordine di tempo quella presentata dalla nostra Delegazione sul tavolo del Ministro della Salute, Prof. Orazio Schillaci, lo scorso 29 dicembre.

Tuttavia, la nostra posizione rimane la medesima, e non sono pochi, ancora oggi, i limiti di un emendamento che certamente non rappresenta, non ancora, quel traguardo a cui tutti gli infermieri aspirano legittimamente, quell’obiettivo di cui il nostro sistema sanitario ha bisogno per ripartire con maggiore vigore.

In particolare, le nostre battaglie dovranno condurci ad un allargamento della libera professione agli infermieri e a tutti gli altri operatori sanitari che non abbia, come in questo caso, un limite  orario , e soprattutto che sia svincolata da autorizzazioni preventive .

Certo è che , volere a tutti i costi mantenere questi limiti e' cosa a noi poco comprensibile, dal momento che, lo ribadiamo da tempo, lo sblocco del vincolo di esclusività per gli infermieri e le altre professioni sanitarie del comparto può solo rappresentare un vantaggio per l’azienda sanitaria stessa, anche al fine di abbattere le liste di attesa e per supportare una sanità privata che ha bisogno come il pane di sostegno.

Il provvedimento non fa ancora piazza pulita di quei limiti e quei lacciuoli, di cui la sanità italiana non ha affatto bisogno, e che, nel caso della libera professione, non si applicano invece  ai medici, a cui viene concesso da tempo di svolgerla senza tanti giri.  

I segnali positivi giunti dal Governo, in definitiva, attraverso questo emendamento, rappresentano per noi una prima risposta importante rispetto a una battaglia sull’allargamento della libera professione , su cui, lo ribadiamo, continueremo a lottare giorno dopo giorno.

Si abbia, da parte delle istituzioni, maggiore coraggio per un cambiamento radicale che e' ormai indispensabile.

Nursing Up

Sindacato

 

Associazione Nazionale
Sindacato Professionisti Sanitari della Funzione Infermieristica

CF: 96340350584