| 

Sanità, sindacato infermieri Nursing Up chiede incontro a Governo

Fonte: LAPRESSE - Data: 07/06/2018

LPN-Sanità, sindacato infermieri Nursing Up chiede incontro a Governo
Roma, 7 giu. (LaPresse) - Appello al nuovo Governo da parte del sindacato degli infermieri Nursing up. Il presidente Antonio De Palma scrive una lettera aperta alla nuova squadra di Governo. "Noi siamo pronti a fare la nostra parte, per il bene dei cittadini e quello della professione, per questo - scrive - chiediamo un incontro al Presidente del Consiglio, al Ministro della Salute ed a quello del Lavoro, al Ministro dell'Economia ed a quello della Pubblica Amministrazione, per essere ascoltati". (Segue)

LPN-Sanità, sindacato infermieri Nursing Up chiede incontro a Governo-2-
Roma, 7 giu. (LaPresse) - "Vi aspetta un compito gravoso e denso di sfide - spiega De Palma -, per questo il sindacato degli infermieri Nursing Up Vi rivolge i migliori auguri di buon lavoro, mettendosi a disposizione, in qualità di catalizzatore delle istanze dei professionisti sanitari, per collaborare sul tema fondamentale del diritto alla Salute che unisce infermieri e cittadini in un patto di alleanza imprescindibile da inquadrare in un momento storico di particolare difficoltà del Servizio sanitario nazionale, a 40 anni dalla sua nascita. Un patto per la Salute necessario, a nostro avviso, per il bene del Paese, affinché ritorni priorità la sanità pubblica, a vantaggio di tutti i cittadini, in special modo dei meno abbienti". (Segue)

LPN-Sanità, sindacato infermieri Nursing Up chiede incontro a Governo-3-
Roma, 7 giu. (LaPresse) - "Dopo 9 anni di attesa del rinnovo contrattuale, il nuovo Ccnl non ci ha riconosciuto: dignitŕ professionale e valorizzazione delle competenze sia dal punto di vista economico che giuridico - continua il sindacalista nella lettera -; il passaggio di categoria da D a DS (gli infermieri sono laureati); l'aumento sulle indennitŕ ferme alla lira (un infermiere prende poco piů di 2 euro l'ora durante il periodo che va dalle 22 alle 6 del mattino); l'eliminazione della deroga al riposo minimo continuativo di 11 ore ogni 24 per la pronta disponibilitŕ passiva prevista dalla normativa europea (con pericolose ricadute sulla sicurezza delle prestazioni ai cittadini); il diritto di svolgere attivitŕ libero-professionale, anche con modalitŕ analoghe a quelle previste per il personale medico; 4 ore settimanali per l'aggiornamento professionale (come giŕ avviene per i medici); direttive finalizzate alla detassazione del salario di produttivitŕ, come per il privato".

Associazione Nazionale
Sindacato Professionisti Sanitari della Funzione Infermieristica

CF: 96340350584