| 

SANITA': NURSING UP SU VIOLENZE INFERMIERI, ASL CREINO SORVEGLIANZA H24

Fonte: Adnkronos Salute - Data: 10/07/2018

SANITA': NURSING UP SU VIOLENZE INFERMIERI, ASL CREINO SORVEGLIANZA H24 =    

Roma, 10 lug. (AdnKronos Salute) - "Condanniamo con forza l'ennesima
aggressione ai danni di infermieri mentre prestavano servizio nel
Pronto soccorso di Cinisello Balsamo. Per noi queste condizioni di
lavoro non sono più accettabili. A questo punto non è più differibile
l'individuazione di un servizio di sorveglianza attivo 24 ore su 24,
che le Asl devono garantire in quanto responsabili dell'incolumità e
della sicurezza dei propri dipendenti". Così Antonio De Palma,
presidente del sindacato di categoria Nursing Up, commenta in una nota
l'aggressione avvenuta ieri nel Milanese ai danni di un medico e
quattro infermieri che hanno riportato dai 5 ai 9 giorni di prognosi.
"Basta aspettare - esorta il sindacalista - E' arrivato il momento che
si creino dei servizi specifici di sorveglianza nei pronto soccorso e
negli altri servizi sensibili. Purtroppo ciò che accade non
rappresenta più un'eccezione e molto spesso i cittadini, esasperati
dal un sistema che non funziona, individuano nei professionisti
sanitari e nei medici i responsabili di questa situazione, nonché i
rappresentanti istituzionali contro cui scagliarsi per protestare". (segue)

SANITA': NURSING UP SU VIOLENZE INFERMIERI, ASL CREINO SORVEGLIANZA H24 (2) =    

(AdnKronos Salute) - "Pretendiamo che le Asl e gli ospedali
individuino modalità idonee a garantire la salvaguardia
dell'incolumità fisica degli infermieri che prestano servizio presso
di loro. Ove ciò non accadesse - conclude il presidente Nursing Up -
sarà nostra cura sostenere i colleghi di fronte alla magistratura per
richiedere l'accertamento e la rifusione del danno, e poi, in casi di
aggressione, agiremo anche nei confronti di quelle aziende che, non
avendo tutelato i propri dipendenti, in qualche maniera hanno
provocato un danno all'erario che, a nostro parere, si configura
laddove un'azienda obbligata a tutelare la sicurezza dei propri
dipendenti non adotta le dovute cautele e si ritrova a dover rifondere
il danno".
(Gia/AdnKronos)

Associazione Nazionale
Sindacato Professionisti Sanitari della Funzione Infermieristica

CF: 96340350584